BREVE STORIA DI UNA VITA.

Una poltrona bianca nel nero più profondo: 
rifugio, protezione dall'esterno e dall'estraneo, dall'altro e da sé.
Uno specchio: unico elemento estraneo attraverso il quale è possibile guardare 
il mondo esterno.
La necessità di abbandonare il rifugio, le certezze e la paura di affrontarne 
il distacco.

"Breve storia di una vita" è un racconto autobiografico, una sequenza di 
autoscatti realizzata tra il 1998 e il 1999.
La versione definitiva è composta di otto fotografie in bianco/nero 30x30 
stampate su carta baritata.
Ho curato personalmente tutte le fasi per la realizzazione delle immagini, 
sottoponendole inoltre al trattamento d'archivio mediante viraggio al selenio.
E' inoltre in preparazione un'edizione di stampe lambda 100x100.
Per entrambe le versioni ho previsto una tiratura limitata.

enpleinair
maioneseproject
realtime